Reazione infiammatoria dell’idrosadenite suppurativa

Comment

clinica
Pubblicità

Reazione infiammatoria dell’idrosadenite suppurativa

Anche se non sono ancora note le cause dell’acne inversa o malattia di Verneuil è stata rilevata la reazione infiammatoria che accompagna le manifestazioni tipiche dell’idrosadenite suppurativa che provoca principalmente un processo di ostruzione dei follicoli piliferi, in corrispondenza delle ghiandole sudoripare apocrine, ossia delle ghiandole sudoripare presenti nella cute localizzate in alcune sedi anatomiche quali: ascelle, areola mammaria, monte di Venere, regione sottombelicale, inguine, grandi labbra, scroto, perineo. Si tratta di una malattia cronica cutanea che si evidenzia con la comparsa di aree di infiammazione ed alterazioni cutanee che danno forma a: brufoli, foruncoli, noduli, lesioni maggiori e cicatrici. In genere la reazione infiammatoria dell’idrosadenite suppurativa fa il suo esordio nelle vicinanze di determinate ghiandole sudoripare, proprio le ghiandole apocrine, ed in corrispondenza di queste zone si evidenziano le manifestarzioni di idrosadenite suppurativa. Le manifestazioni cutanee tendono a comparire soprattutto nella zona delle ascelle ed a livello dell’inguine, sono meno frequenti le alterazioni in altre zone del corpo quali: sotto al seno, zona perianale, interno coscia. Per approfondimenti si rimanda alla lettura di https://www.eczema-dermatite.it/acne-inversa-o-idrosadenite-suppurativa/.

Pubblicità

Le manifestazioni che accompagnano questa malattia cronica

reazione infiammatoria dell'idrosadenite suppurativa

reazione infiammatoria dell’idrosadenite suppurativa

Nonostante le sue caratteristiche cliniche, l’idrosadenite suppurativa in quanto malattia cronica e non contagiosa si manifesta in modo variabile da persona a persona, visto che le lesioni sono recidive e spesso progrediscono in un ascesso, fistola e cicatrici. Questa affezione della pelle può svilupparsi a qualsiasi età, con maggiore incidenza attorno ai 20 anni, mentre la sua insorgenza dopo i 50-55 anni è meno comune. Nel caso di forme lievi si evidenziano di solito sintomi quali: gonfiori, piccole cisti e comedoni; i soggetti che vengono colpiti da manifestazioni più gravi tendono a manifestare sulla pelle fistole ed ascessi con secrezioni suppurative e spesso maleodoranti, talvolta poi queste lesioni cutanee possono causare dolore ed andare incontro ad un decorso piuttosto severo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 + 1 =