Orticaria acquagenica: diagnosi e trattamenti

Comment

Orticaria
orticaria acquagenica
Pubblicità

Orticaria acquagenica

Si definisce orticaria acquagenica quella forma di prurito che si scatena quando la pelle viene a contatto con l’acqua, anche se le cause non sono note si ipotizza che tale sintomatologia è dovuta al rilascio di una quantità eccessiva di acetilcolina dopo il contatto diretto della pelle con l’acqua. L’insorgenza del disturbo si catena come una vera e propria crisi della durata di qualche minuti che tende a prolungarsi anche una decina di minuti, e si evidenzia come una continua e prolungata puntura di spilli che va a coinvolgere gambe e braccia, ma può estendere anche ad altre parti del corpo. Per poter formulare una diagnosi differenziale di questa forma di orticaria bisogna esaminare degli aspetti caratteristici che contraddistinguono il prurito acquagenico quali: una manifestazione non legata ad allergie scatenate da prodotti detergenti, saponi, bagnoschiuma; spesso è   il sudore a scatenare l’insorgenza del disturbo, che si palesa soprattutto durante i mesi più caldi, talvolta poi si registra una maggiore incidenza del disturbo nel periodo in cui sta scomparendo l’abbronzatura dalla pelle. Per una conferma più accurata del problema è necessario comunque eseguire uno specifico esame dermatologico: il Test Orticaria Fisica. Maggiori informazioni si trovano su Prurito diabetico associato al diabete mellito.

Pubblicità

Alcuni accorgimenti per migliorare la sintomatologia

orticaria acquagenica

orticaria acquagenica

L’orticaria acquagenica può essere trattata usando delle creme idratanti, anche quelle a base di sostanze in grado di disinnescare le terminazioni nervose responsabili del disturbo, oppure il glicerolato d’amido con lo scopo principale di ridurre solo la secchezza della pelle; talvolta si ottengono dei leggeri miglioramenti solo con un cambio di temperatura dell’acqua, una condizione che deve essere appurata, in particolare si riscontrano delle riduzioni della sintomatologia se si termina la doccia viene con acqua fredda; secondo alcuni pareri possono essere efficaci alcune soluzioni saline a base di bicarbonato di sodio, anche l’acqua di mare è benefica in quanto riduce l’intensità del prurito. Per altre notizie si rimanda alla lettura di Sebopsoriasi come si presenta tale varietà clinica di psoriasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due + 14 =