Tags:

La formazione di xantelasma

Comment

Altri articoli
Pubblicità

La formazione di xantelasma

II granuloma isolato colesterinico (xantomatosi localizzata colesterinica o lipoidosi colesterinica localizzata) è un’affezione associata ad un alterato metabolismo dei lipidi, con implicazione delle cellule del sistema reticolo-endoteliale che vanno ad immagazzinare i lipidi in eccesso, possono così verificarsi delle localizzazioni ossee e delle localizzazioni cutanee che determinano la formazione di xantelasma: la formazione di colesterolo morbido a livello delle palpebre si caratterizza per un deposito di grasso giallastro. Bisogna distinguere lo xantoma dallo xantelasma: con il primo termine si fa riferimento ad una malattia della pelle che implica la comparsa di piccole palle di grasso sotto l’epidermide con insorgenza frequente negli anziani con un livello di colesterolo alto nel sangue; con il secondo termine invece si identifica un tipo frequente di xantoma che appare sulle palpebre. In genere lo xantelasma appare come un segno di una malattia che causa un aumento di lipidi nel sanguee tra le patologie connesse con tale manifestazione ci sono: il diabete, alcuni tumori, la condizione di iperlipidemia, delle malattie metaboliche ereditarie, alcune malattie epatiche, la pancreatite, l’ipotiroidismo, calcoli alla cistifellea, cirrosi biliare primaria. Altre notizie si trovano su http://www.fisioterapiarubiera.com/malattie-degli-occhi/xantelasma-all-occhio/

Pubblicità

Come si rimuovono

xantelasma

xantelasma

Tra le caratteristiche di uno xantelasma si deve sottolineare la morfologia definita (bozze sotto la pelle con contorni ben definiti) ed il colore giallastro tendente all’arancione; gli xantelasmi di solito non provocano prurito e dolore. Per identificare queste escrescenze della pelle basta a volte la semplice analisi visiva da associare alle comuni analisi del sangue che consentono di rilevare i livelli di lipidi a digiuno: in caso di iperlipidemia, bisogna fare una valutazione del rischio di malattie cardiovascolari. Dal momento che la formazione di xantelasma non determina problemi legati alla vista si interviene per rimuoevere le formazioni per ragioni estetiche avendo a disposizione diversi tipi di interventi quali: crioterapia, asportazione chirurgica, ablazione con laser, cauterizzazione chimica, essicazione elettrica, radiofrequenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − 8 =