Tags:

Flemmone: infiammazione acuta o subacuta del tessuto connettivo sottocutaneo

Comment

clinica
Pubblicità

Flemmone: infiammazione acuta o subacuta del tessuto connettivo sottocutaneo

In presenza di un processo flogistico non circoscritto ma che si irradia ai tessuti circostanti si viene ad identificare il flemmone: un’infiammazione acuta o subacuta del tessuto connettivo sottocutaneo o profondo con dispersione di pus. Questo processo infiammatorio di origine infettiva provoca la distruzione dei tessuti e la formazione di pus o di essudato purulento, nei casi di decorso infettivo si può verificare la trasformazione in ascesso. La formazione di un flemmone tende a colpire con maggiore frequenza i soggetti con difese immunitarie debilitate ed i processi di flogosi possono interessare tutti i tessuti celluloadiposi interposti tra i vari organi provocando diversi tipi di flemmone quali: sottocutanei, profondi, peritendinei, paraosteali, perighiandolari. La principale causa che può scatenare un flemmone è rappresentata da un focus infettivo di natura batterica scatenato da stafilococchi e streptococchi che contaminano ferite anche di piccola entità in mancanza di una efficace difesa messa in atto dall’organismo, ed infatti il flemmone è spesso associato a contesti patologici tra i quali: il patereccio, la diverticolite, la tonsillite, il piede diabetico, l’appendicite. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di http://unadieta.it/salute/1730-flemmone.html.

Pubblicità

Sintomi e trattamenti

flemmone

flemmone

I sintomi del flemmone sono variabili in base alla sede in cui compare il processo flogistico ed anche alla stessa gravita del focus infettivo, ma di solito si manifestano edema, dolore ed arrossamento a questi sintomi principali si possono associare delle manifestazioni secondarie come: cefalea, febbre e leucociti bassi. Il trattamento del flemmone dipende dal quadro clinico con cui si evidenzia il processo infettivo ed il primo intervento per curare un flemmone consiste nel drenaggio chirurgico per favorirne lo svuotamento del pus, a cui si associa una terapia farmacoloica a base di antibiotici per debellare i batteri. La cura dell’infiammazione acuta o subacuta del tessuto connettivo deve essere tempestiva per scongiurare il rischio di complicazioni connesse con il flemmone, tra cui la comparsa di necrosi dei tessuti con conseguenze anche letali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + 14 =