Dermatite neonato: ecco le tipologie

Comment

clinica dermatite atopica
Dermatite neonato
Pubblicità

La pelle dei bambini è molto più delicata di quella degli adulti. Per questo motivo il bambino, specie se piccolo o neonato, è soggetto a malattie come la dermatite. Varie tipologie di dermatiti possono colpire il neonato. Di seguito, una lista sintetica ma esaustiva

Dermatite da pannolino. Detta anche dermatite da “culetto rosso”, viene provocata dal contatto del sedere del piccolo con il pannolino. La manifestazione è in genere sempre la stessa: l’arrossamento della cute.

Per ulteriori informazioni su come gestire il piccolo quando è colpito da dermatite, consiglio la lettura dei seguenti articoli: Dermatite atopica neonati, come lavare il piccolo e Curare la dermatite atopica con rimedi naturali.

Pubblicità

Dermatite atopica. Molto diffusa nella popolazione nel suo complesso, ma ancora di più nei bambini sotto i tre anni. E’ causata da un mix di fattori interni (intolleranze, allergie) e di fattori esterni, che la esacerbano (traumi da sfregamento, alimentazione sbagliata).

Dermatite neonatoIttiosi. Malattia della pelle che non ha una precisa localizzazione. Causa, piuttosto, la desquamazione e l’inaridimento della cute in modo generalizzato. Può interessare consistenti porzioni di pelle.

Crosta lattea. Si manifesta con l’insorgenza di squame bianche e giallastra sul cuoio capelluto e sulle sopracciglia. Gli effetti sono molto simili a quelli della dermatite seborroica nell’adolescente e nell’adulto.

Psoriasi infantile. Le manifestazioni sono del tutto simili a quelle della psoriasi nell’adulto. L’approccio terapeutico, però, è abbastanza diverso, visto che i rimedi generalmente utilizzati per i grandi possono risultare aggressivi per il neonato. Ovviamente, il fattore che la scatena è genetico.

Non è raro che i neonati o i bambini in genere si ammalino di dermatite, vista e considerata la sensibilità della cute. In genere, le dermatite passano “da sole” o con il semplice aiuto di alcune creme adatte. In genere, il consiglio per le mamme è quello di non sottoporre i neonati a traumi da sfregamento, probabili quando lo si asciuga dopo il bagnetto.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − dieci =