Dermatite da sudore: rimedi naturali

Comment

clinica dermatite atopica
Dermatite da sudore
Pubblicità

La dermatite da sudore, detta anche “miliaria” è una malattia della pelle che colpisce soprattutto in estate, vista la sua correlazione con la sudorazione. Essa, infatti, si manifesta nelle zone in cui si tende a sudare di più: ascelle, petto, incavo del braccio, incavo del ginocchio. A causarla, è l’ostruzione delle ghiandole sudoripare che, rompendosi, “rovesciano” il sudore sotto pelle. Tra i fastidi c’è ovviamente l’irritazione, per giunta accompagnata da prurito più o meno intenso.

Se vuoi approfondire ulteriormente il tema dei rimedi naturali o capire confrontandoti con delle immagini se soffri di dermatite atopica, ti consiglio i seguenti articoli: Curare la dermatite atopica con rimedi naturali e Dermatite atopica foto.

Pubblicità

Dermatite da sudoreQuali sono i rimedi naturali per la dermatite da sudore? Bisogna agire sia internamente che esternamente. E’ consigliato applicare nella zone colpita delle garze imbevute con un infuso di camomilla. Possono essere utilizzate (sono ugualmente efficaci) anche delle creme antisettiche e rinfrescanti a base di echinacee, calendule e aloe. A tal proposito, assolve benissimo la sua funzione il balsamo di San Rocco. Esso è composto da molte sostanze in grado di combattere la dermatite da sudore, tra cui: echinacea, calendula, viola, camomilla, iperico, olio essenziale di geranio e melaleuca.

Per la cura “interna”, invece, va utilizzata la salvia comune, altrimenti detta salvia officinalis. Come prepararla? E’ semplice: prendete quattro i cinque foglie di salvia, fatele essiccare al sole e, infine, immergetele in un litro di acqua bollente. Lasciatele in infusione per cinque minuti e il gioco è fatto: avete la vostra bevanda disintossicante, particolarmente piacevole se lasciata raffreddare.

Un altro metodo “interno” per curare la dermatite da sudore è l’assunzione, al posto dell’infuso, della tintura madre. E’ sufficiente diluire un paio di dozzine di gocce in poca acqua, e farlo due o tre volte al giorno, per garantirsi un rimedio efficace. Questo metodo, però, è pericoloso per i bambini vista la sua aggressività a livello metabolico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × quattro =