Curare la dermatite atopica con rimedi naturali

2 Replies

dermatite atopica terapia
Pubblicità

Curare la dermatite atopica con rimedi naturali è possibile: la patologia che si manifesta con prurito e altri sintomi come secchezza, desquamazione, papule eritematose e placche cutanee, può essere tenuta sotto controllo da alcune cure totalmente naturali.
Tra i vari rimedi contro la dermatite atopica c’è la liquirizia: grazie alla sua nota proprietà antinfiammatoria viene utilizzata sotto forma di tè, tinture o capsule, oppure si possono fare impacchi per uso esterno; la liquirizia ha però delle controindicazioni: non può essere assunta in gravidanza, da soggetti diabetici, ipertesi o con problemi renali, epatici o cardiaci.

Se vuoi sapere come si può curare questa patologia con le medicine tradizionali o come si manifesta negli adulti, prova a consultare i seguenti articoli: La cura della dermatite atopica e La dermatite atopica negli adulti.

Pubblicità

dermatite atopica rimedi naturaliLa bardana è un’altra pianta che viene utilizzata come cura naturale per la dermatite atopica: possiede la caratteristica di contenere l’inulina, che riesce a distruggere i batteri che ne peggiorano l’infiammazione. La bardana può essere assunta nelle stesse modalità della liquirizia, ovvero come tè, tinture, capsule o con impacchi per uso esterno, ma ha il grande vantaggio di non avere alcuna controindicazione.
Anche il tarassaco contiene l’inulina ed è perciò indicato per combattere la dermatite: si può assumere sia come alimento, sia sotto forma di capsule e tè.
La centella asiatica aiuta invece a lenire le infiammazioni e si può assumere sotto forma di creme o unguento, per fare degli impacchi, oppure come tè, capsule e tinture.
Per curare l’infiammazione e l’infezione da dermatite atopica si può usare l’echinacea: la sostanza ricavata da questo fiore aiuta il tessuto connettivo a riformarsi e può essere assunta sotto forma di impacco sulla zona interessata.
La consolida invece contiene l’allontoina, che lenisce la pelle, ne favorisce il ricambio cellulare e accelera i tempi di guarigione dalle lesioni applicandola con degli impacchi; è tuttavia sconsigliata alle donne in stato di gravidanza o per chi ha lesioni molto estese.
L’oregon groperoot e il goldenseal sono altre due erbe che aiutano con un’azione antimicrobica, mentre l’avena e l’avocado leniscono la pelle.

Pubblicità

2 comments

  1. lellagra

    Soffro da “una vita” di DA e leggo sempre con piacere qualche consiglio o qualche esperienza nuova. Da parte mia oltre alle cure mediche ho scoperto sulla mia pelle quanto sia importante una dieta corretta e l’uso di tessuti non irritanti ma che proteggano la pelle. Personalmente eliminando alcuni cibi e utilizzando dell’intimo in fibroina di seta ho visto la mia pelle migliorare tantissimo. Una certa attenzione agli alimenti e ai tessuti con cui sono fatti gli indumenti a contatto con la pelle mi hanno decisamente aiutata a star meglio. Non sapevo invece dei vantaggi che potesse avere la liquirizia: la proverò di certo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × tre =