Vitamina D per la prevenzione dell’eczema

Comment

eczema terapia
Vitamina-D-per-la-prevenzione-dell'eczema
Pubblicità

Vitamina D per prevenire l’eczema

Vitamina-D-per-la-prevenzione-dell'eczema

Vitamina-D-per-la-prevenzione-dell’eczema

E’ stata ormai comprovata l’efficacia della vitamina D nel
trattamento preventivo di patologie come il rachitismo, ma
anche nel trattamento rinforzante del sistema immunitario,
dei polmoni e della cute. Ecco perchè soprattutto negli ultimi
anni si sono moltiplicati gli studi sulla vitamina D,
consapevoli che racchiude innumerevoli qualità importanti.
Una delle ultime scoperte relative alle sue applicazioni
riguarda i suoi effetti positivi sull’eczema. Esso rappresenta
una reazione dermica infiammatoria, conosciuta anche come
dermatite, non ha natura contagiosa, ma in chi ne soffre può
creare irritazione, bruciore e prurito. L’eczema può essere
trattato con diverse modalità a seconda della sua evoluzione,
con prodotti topici ma anche seguendo strade preventive
indicate soprattutto per eliminarne la tipica recidività. Una
di queste strade percorribili riguarda appunto il ruolo
importante della vitamina D nel proteggere e rinforzare il
sistema immunitario.

Pubblicità

Vitamina D e cura dell’eczema

La vitamina D è una vitamina liposolubile sintetizzata a
livello cutaneo. L’esposizione alla luce solare e un’adeguata
alimentazione asssicurano una corretta concentrazione di
vitamina D nell’organismo. Nei soggetti affetti da eczema è
presente un difetto della barriera cutanea unito ad
alterazioni a livello immunitario cutaneo, tutti aspetti che
vengono influenzati da ulteriori fattori di tipo ambientale
come ad esempio l’esposizione solare o le abitudini
igieniche ed alimentari. Un corretto livello di vitamina D nel
sangue permette dunque di prevenire anche episodi di
eczema andando a stimolare il sistema immunitario ad una
corretta reazione al problema. La vitamina D si trova in
particolare nel pesce, nell’uovo, nel latte vaccino e di capra,
nel burro, nel latte di soia, nei funghi secchi, nei cereali corn
flakes e nella carne di maiale. Essendo una sostanza
particolare nelle funzioni e nell’attivazione, è complicato
dosarla correttamente: ma se da analisi precise emerge un
deficit di vitamina D esso può essere cancellato tramite
appositi integratori, molto utilizzati ad esempio nei neonati.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − 7 =