Secukinumab psoriasi: i vantaggi del nuovo farmaco

Comment

Psoriasi
Pubblicità

Secukinumab psoriasi: i vantaggi del nuovo farmaco

In base alle recenti ricerche condotte a livello sperimentale, il secukinumab si conferma il solo inibitore della IL-17A e per questo in grado di modificare la storia naturale della psoriasi. In pratica i risultati suggeriscono che secukinumab sia in grado non solo di trattare positivamente i sintomi caratteristici della condizione patologica ma anche di modificare la storia naturale della malattia. Per curare la psoriasi moderata-severa è stata recentemente introdotta un moderno approccio terapeutico che consiste nell’impiego di una nuova molecola, creata ad hoc utilizzando delle avanzate ricerche biotecnologiche, si tratta dell’anticorpo monoclonale secukinumab che si indirizza selettivamente contro l’interleukina 17-A, la principale citochina che attiva il processo infiammatorio. Sfruttando una semplice e pratica posologia con somministrazione mensile che il paziente può fare personalmente questa terapia farmacologica gode attualmente di molta ammirazione, e per questo il secukinumab è considerato uno dei trattamenti più efficaci per la cura della psoriasi a placche da moderata a severa. Per approfondimenti sul tema si rimanda alla lettura di https://www.starbene.it/salute/news/psoriasi-nuovo-farmaco-biologico/.

Pubblicità

I risultati nel lungo termine

Secukinumab psoriasi

Secukinumab psoriasi

Il farmaco come trattamento della psoriasi viene in genere somministrato una sola somministrazione al mese attraverso penna o siringa preriempita con cui eseguire un’iniezione sottocutanea. Da quanto emerso dai dati relativi agli studi multicentrici condotti in Europa è possibile riscontrare dei significativi miglioramenti della sintomatologia: a distanza di quattro mesi dall’avio della terapia il 44,3% dei pazienti presentava una pelle senza psoriasi a placche, mentre a 52 settimane di distanza è stata riscontrata una riduzione della psoriasi pari al 90%. Nel lungo termine dunque il trattamento a base di secukinumab consente di risolvere le manifestazioni cutanee tipiche della psoriasi, con il vantaggio che questi risultati, si mantengono nel corso del tempo. L’anticorpo monoclonale secukinumab può infatti contare non solo su una comprovata efficacia a lungo termine ma anche su un profilo di sicurezza fino a quattro anni.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × quattro =