Pimecrolimo per combattere la dermatite neonatale

Comment

dermatite atopica malattie della pelle terapia
Pimecrolimo-per-combattere-la-dermatite-neonatale
Pubblicità

Pimecrolimo contro la dermatite nel neonato

Pimecrolimo-per-combattere-la-dermatite-neonatale

Pimecrolimo-per-combattere-la-dermatite-neonatale

Di grande efficacia è il pimecrolimo nel trattamento della
dermatite nei neonati. Questo principio attivo è
somministrato sottoforma di crema avente una
concentrazione all’1%; esso è un farmaco
immunomodulatore di tipo topico, prettamente indicato per
la cura della dermatite: ne migliora infatti il grado
d’infezione e grazie alla sua importante efficacia il
pimecrolimo rappresenta finalmente una più valida
alternativa all’uso dei corticosteroidi. Il pimecrolimo è stato
studiato nel dettaglio da una ricerca islandese, che ne ha
sottolineato le grandi potenzialità a lungo termine nel
trattamento della dermatite neonatale, in particolare quella
di livello leggero o moderato. Proprio per evitare un
assorbimento eccessivo di steroidi da parte del neonato, in
primis si deve optare per le cure con pimecrolimo. E’ bene
ricordare che la dermatite è una sindrome multifattoriale a
trasmissione autosomico recessiva, generalmente collegata
ad altre patologie quali rinite allergica, asma, orticaria,
congiuntivite allergica e gastroenterite allergica. La
dermatite può scaturire da allergeni alimentari, inalanti o da
contatto, da irritanti esterni, infezioni, disturbi
neurovegetativi, disturbi del metabolismo lipidico,
sudorazione e stress.

Pubblicità

Ricerca e dettagli sul pimecrolimo

Lo studio realizzato in Islanda sul pimecrolimo ha preso in
esame quasi 2.500 bambini sofferenti di dermatite,
seguendoli fino ai sei anni di vita. Essi sono stati suddivisi in
due gruppi, uno trattato con pimecrolimo, l’altro con
corticosteroidi. Dopo quasi un mese di trattamento è emerso
che entrambi gli approcci sono valevoli di lode; l’unica
differenza sta nel fatto che il pimecrolimo dimostra di avere
un effetto risparmiatore di steroidi: utilizzandolo nella
terapia infatti il successivo utilizzo di steroidi è stato ridotto
in maniera notevole, in quanto egregiamente sostituito
dall’azione del pimecrolimo. Fra l’altro usufruendo di
pimecrolimo, e dunque riducendo i corticosteroidi, i
bambini esaminati hanno mostrato un rischio minore di
dispnea, rinorrea ed infezioni virali del tratto respiratorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − dieci =