Orticaria papulosa: definizione, sintomi e trattamenti

2013/06/06

Orticaria papulosa: introduzione

L’ orticaria papulosa è caratterizzata da papule pruriginose e abbastanza persistenti, di solito a causa di punture di insetti, come zanzare, cimici, ragni e pulci. Le lesioni sono condizionate da una reazione bifasica di saliva o di residui che rimangono in bocca dopo il morso sulla pelle. La reazione immediata può essere dovuta ad una reazione di ipersensibilità di tipo I, mentre il ritardo  può corrispondere ad una reazione di tipo IV. Altre informazioni anche in Orticaria da stress: impariamo a riconoscerla

Orticaria papulosa: manifestazioni cliniche

Orticaria papulosa: definizione, sintomi e trattamenti

Orticaria papulosa: definizione, sintomi e trattamenti

Essa colpisce i bambini sotto i 10 anni (occasionalmente gli adulti). L’orticaria papulare è caratterizzata da lesioni papulose, spesso con una vescicola sulla superficie, molto pruriginosa, eritematosa e ridimensionabile. Ogni elemento tende ad essere persistente (> 48 ore), contrariamente alla maggior parte delle irritazioni. Le papule possono essere escoriate da graffi distribuiti attraverso le cosce, le braccia e le braccia, il tronco inferiore, la zona ano-genitale e ascelle. Per evitare la reazione allergica, andate alla ricerca di insetti in camera da letto, sui materassi, ecc. che possono essere i responsabili. La presenza di test cutanei positivi effettuati in clinica vi darà una diagnosi corretta. La diagnosi differenziale deve essere fatta con altri tipi di orticaria. Inoltre, ponfi e papule, anche se pure con diverso quadro clinico, possono verificarsi anche con patologie varie come la vasculite allergica (porpora di Henoch-Schönlein), la dermatite erpetiforme e la pemfigoide. Le vescicole pruriginose nei bambini, devono essere differenziate da varicella. Gli antistaminici possono essere utilizzati per ridurre il prurito, (es.: Hydroxyzine), o con una crema (es.: canfora 1 g 1 g mentolo, acqua di calce: 25 g) antiprurito. È essenziale una buona cura della pelle se l’infezione è associata ad altre patologie della pelle. Ottima anche una quotidiana applicazione con solfato di rame acquoso (1 g in 1000 ml) per 10 minuti, 2 -. 3 volte giorno per asciugare le lesioni. Altre informazioni in Orticaria cronica: definizione, sintomi ed altro

Tagged with: ,
Posted in malattie della pelle

Leave a Reply