Orticaria cronica: la diagnosi

Comment

malattie della pelle
Pubblicità

Orticaria cronica: definizione della malattia

Orticaria cronica: c’è molto da sapere riguardo a questo particolare disturbo della pelle che con il 15-20% della popolazione colpita almeno una volta nella sua vita, fa dell’ orticaria una delle malattie dermatologiche più comuni. Questa condizione, che può influenzare la qualità della vita e generare ansia in molti pazienti può essere dovuta a molte cause. L’orticaria è caratterizzata dalla comparsa di papule mobili, è transitoria (di solito della durata di meno di 24 ore) e dà prurito, e la forma, dimensione, colore, numero delle papule può avere una variabile topografia. Quando il gonfiore raggiunge il derma profondo o si installa nel tessuto sottocutaneo, le lesioni hanno l’aspetto di un’eruzione e danno gonfiore, un più doloroso prurito, e la durata dell’infiammazione è superiore alle 48 fino ad arrivare alle 72 ore. Si tratta allora di una profonda orticaria, anche chiamato angioedema. Questo è quando le lesioni persistono per più di sei settimane con una già condizione di orticaria cronica. La diagnosi si basa principalmente sul colloquio e l’esame clinico. Si noti che orticaria cronica nei bambini è eccezionale e ha alcune peculiarità. altre informazioni in Orticaria bambini: cure e trattamenti.

Pubblicità

Orticaria cronica: capire come diagnosticarla

Orticaria cronica: la diagnosi

Orticaria cronica: la diagnosi

Orticaria cronica: ecco su cosa si basa il medico per diagnosticarla:

  • cronologia;
  • storia familiare e personale (atopia, orticaria, malattia sistemica);
  • farmaci che si stanno assumendo: non steroidei, sartani, aspirina e antinfiammatori – assunzione del farmaco cronica (ACE-inibitori ACE) – FANS) e occasionali (codeina e la morfina);
  • abitudini alimentari ( potrebbe trattarsi di rilascio eccessivo di istamina da eccesso di cibo);
  • la possibilità di orticaria da contatto e l’esposizione professionale;
  • le circostanze scatenanti di orticaria fisica (stress, attrito, pressione, calore, freddo, acqua, esposizione al sole, vibrazioni);
  • il ruolo di “stress” come una circostanza aggravante;
  • segni suggestivi di malattia sistemica.

Il secondo passo è quello di diagnosticare l’esame clinico. Altre informazioni in Orticaria da stress: tutto ciò che c’è da sapere.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove + 9 =