Olio di enotera disturbi cutanei: benefici

Comment

terapia
olio di enotera disturbi cutanei
Pubblicità

Olio di enotera disturbi cutanei

In quanto ricco di acidi grassi omega 6, l’olio di enotera è un rimedio naturale da utilizzare da chi soffre di disturbi cutanei, dal momento che questi acidi leniscono, idratano e nutrono la pelle lesionata e danneggiata, stimolando il ripristino della barriera protettiva naturale della pelle, inoltre offre una valida azione antinfiammatoria. In particolare questa essenza disponibile in perle oppure in gocce, da assumere ad uso orale, viene raccomandata per il trattamento naturale contro specifici disturbi della pelle tra cui eczemi, psoriasi ed acne. I principi attivi di questo olio sono da imputare principalmente all’alta concentrazione di un acido grasso (GLA), a cui devono essere attribuite le maggiori proprietà curative della pianta. I benefici di questo olio determinano un significativo miglioramento degli effetti della psoriasi, favorendo anche degli effetti benefici sui soggetti che risentono ricorsivamente dell’eruzione dell’eczema di tipo cronico e della dermatite atopica; l’uso di questo fitoestratto  è utile anche nel trattamento della pelle secca. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di Dermatite atopica, rimedi naturali imprescindibili.

Pubblicità

I risultati positivi registrati dagli studi clinici

olio di enotera disturbi cutanei

olio di enotera disturbi cutanei

Da diversi studi sperimentali è stata accertata l’azione benefica dell’olio di enotera sul miglioramento della sintomatologia legata  alla dermatite di tipo atopico con esiti positivi sia dal punto di vista soggettivo sia da quello oggettivo. Altri studi clinici hanno evidenziato che attraverso una regolare posologia basata sulla dose di 4 g/die dell’olio si ottengono buoni risultati nella cura della dermatite atopica potendo beneficiare di un significativo aumento dei livelli di acido diomogammalinolenico nei neutrofili e nelle zone di cute danneggiata; altri esiti positivi riguardano l’incremento del contenuto percentuale degli acidi grassi n-6 nella membrana degli eritrociti e dell’acido diomogamma linolenico nel plasma in quanto costituisce un precursore dei prostanoidi ad azione antiflogistica. Maggiori notizie si trovano su Dermatite atopica: segni e cure.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto − uno =