Lentigo maligna chi colpisce

Comment

clinica
Pubblicità

Lentigo maligna chi colpisce

In ambito clinico la lentigo maligna rappresenta una forma di tumore cutaneo considerata come il precursore del melanoma lentigo maligna (o melanoma tipo lentigo maligna). Più precisamente si tratta di un melanoma formato da cellule tumorali maligne che non sono dotate di capacità invasiva, la lentigo maligna viene di fatto isolata dal derma tramite la giunzione dermo-epidermica. Quando però questa malattia cutanea non si circoscrive all’epidermide, ma tende a raggiungere gli strati del derma coinvolgendo altri distretti, allora il quadro clinico  si complica e subentra il melanoma lentigo maligna. Lentigo maligna e melanoma lentigo maligna indicano due diverse patologie a carico della pelle: la lentigo maligna è una lesione in-situ con progressione lenta con rallentata capacità invasiva; invece la lentigo maligna melanoma è una lesione dalla progressione più rapida a cui si associa un alto grado di invasività. Si può assistere all’evoluzione della lentigo maligna in lentigo maligna melanoma, in presenza di alcune caratteristiche imprescindibili, tra cui la presenza di una morfologia irregolare e cupoliforme, questo aspetto costituisce un vero e proprio marker della fase di crescita verticale del melanoma. Per approfondimenti si rimanda alla lettura di: https://www.my-personaltrainer.it/benessere/lentigo-maligna.html.

Pubblicità

Possibili fattori di rischio

Lentigo maligna

Lentigo maligna

I casi di lentigo maligna negli ultimi anni sono aumentati, in concomitanza con l’incremento della longevità dei soggetti, si tratta infatti di una condizione patologica che tende a presentarsi nei soggetti anziani, la maggiore incidenza si riscontra negli anziani alla nona decade di età, interessando non solo il viso ma anche altre aree cutanee di solito maggiormente esposte al sole (mani, braccia, collo). I fattori eziologici certi di questa patologia non sono ancora stati identificati, anche se due costanti sono emerse a livello diagnostico: si presenta principalmente nelle persone anziane con pelle colpita da danni provocati dal sole e dai raggi UV. Si ipotizza che la formazione della lentigo maligna  sia da imputare ad un’eziologia multifattoriale che può risentire di differenti fattori di rischio predisponenti quali: una certa predisposizione genetica; eventuali danni cellulari causati dall’eccessiva e pericolosa esposizione ai raggi UV; la presenza di nevi pigmentati; la compartecipazione di altre patologie della pelle (cheratosi seborroica, cheratosi attinica pigmentata, carcinoma basocellulare).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + venti =