La Dermatite atopica nei bambini

Comment

clinica dermatite atopica
Pubblicità

La dermatite atopica nei bambini predisposti, fa la sua comparsa da subito e può durare vari anni prima che si possano vedere miglioramenti. In genere la dermatite atopicacolpisce i bambini molto allergici, ossia quelli molto predisposti a contrarre bronchiti e produrre catarro. Di solito la dermatite atopica nei bambini inizia con una chiazza sulle guancia che a man mano si infiamma e si allargata fino a dare la sensazione di una pelle ustionata. Di solito la chiazza tende a spostarsi, prima spunta anche sull’altra guancia, poi sul collo, sulle palpebre, nell’interno braccia, dietro le ginocchia e sulle caviglie. Tutto questo causa un forte senso di prurito, che può portare anche a perdite di sangue a causa del grattarsi. I periodi peggiori sono le giornate invernali, a causa del vento e del freddo, mentre in estate grazie al sudore che va a proteggere la pelle, sostituendo il film idrolipidico che ancora non si è formato nel bambino, la dermatite atopica tende ad attenuarsi.

Per maggiori informazioni sulle dermatite atopica nei bambini consulta gli articoli: Dermatite atopica, inquadriamone la clinica Dermatite atopica, definizioni e cause.

Pubblicità

Il prodotto più facile da consigliare, e che è quello che di solito, almeno all’inizio i pediatri prescrivono, sono le creme al cortisone. Queste possono dare beneficio dopo l’applicazione, ma non risolvono il problema nel tempo, ed anzi possono portare i loro effetti collaterali classici. Quindi il consiglio e sempre quello di usarle con parsimonia, e solo quando la situazione è insostenibile. La cosa più importante da fare è l’uso continuo di pomate o emulsioni idratanti e per pelli sensibili, che tengano sotto controllo il fastidio ed anche se non la rimuovono del tutto possono però attenuare il prurito. Un problema che può succedere con questo tipo di creme è che la pelle può abituarsi e quindi non reagire più come prima, quindi è bene ogni due tre mesi cambiare tipo di crema. Purtroppo questa patologia ritorna sempre a causa di sbalzi d’umore o condizioni atmosferiche particolarmente debilitanti, quindi la casa più importante da fare è tenerla sotto controllo e farla diventare un abitudine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + diciannove =