Tags:

Eczema: i vari tipi

Comment

eczema disidrosico
eczema: foto
Pubblicità

Eczema: cos’è esattamente

Il termine eczema è ampiamente applicato a una vasta gamma di condizioni cutanee persistenti. Queste includono secchezza della pelle e ricorrenti eruzioni che sono caratterizzati da uno o più di questi sintomi : arrossamento, pelle con edema (gonfiore), prurito e secchezza, formazione di croste, desquamazione, vesciche, screpolature, o sanguinamento. La parola eczema deriva dalla parole greca, che significa “bollire”. La parola dermatite deriva dalla parola greca “ pelle” -ed entrambi i termini si riferiscono esattamente la condizione della pelle stessa. In alcune lingue, dermatite http://www.eczema-dermatite.it/category/clinica/ ed eczema sono sinonimi, mentre in altre lingue dermatite implica una condizione acuta e “eczema” una condizione cronica. L’eruzione cutanea è particolarmente evidente sulla testa e cuoio capelluto, collo, all’interno dei gomiti, dietro le ginocchia, e glutei.

Pubblicità

Quando si manifesta l’eczema

eczema: foto

eczema: foto braccio

La dermatite da contatto http://www.eczema-dermatite.it/dermatite-da-contatto-impariamo-a-distinguerla/  è di due tipi: allergica (risultante da una reazione ritardata di alcuni allergeni, come l’edera velenosa o il nickel ), ed irritante (risultante dalla reazione diretta ad un detergente, come laurilsolfato di sodio, per esempio). Alcune sostanze agiscono sia come allergeni e irritanti (il cemento bagnato, per esempio); altre sostanze causano un problema dopo l’esposizione al sole, provocando una sorta di dermatite da fototossicità. Circa tre quarti dei casi di eczema da contatto sono di tipo irritante, che è la più comune malattia professionale della pelle. L’eczema da contatto è curabile, purché la sostanza incriminata possa essere evitata dal paziente affetto da tale patologia e le sue tracce rimosse dal proprio ambiente. Nella dermatite seborroica (“crosta lattea “nei bambini) la forma di eczema che si manifesta è la cosiddetta forfora. Essa provoca desquamazione secca o grassa del cuoio capelluto, delle sopracciglia, del viso, e, a volte del tronco. Nei neonati provoca una spessa crosta con eruzione cutanea sul cuoio capelluto chiamata crosta lattea, che sembra essere legata alla mancanza di biotina ed è spesso curabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × cinque =