Eczema disidrosico sulle mani

2 Replies

eczema disidrosico
eczema disidrosico sulle mani
Pubblicità

Eczema disidrosico: cos’è e dove si manifesta

L’eczema disidrosico delle mani, noto anche come eczema dyshidrotic o disidrosi, è una condizione della pelle in cui piccole vescicole piene di liquido (vescicole) appaiono sul palmo delle mani o sulle piante dei piedi, o entrambi. Le bolle che si verificano in condizioni di disidrosi durano circa tre settimane e causano un prurito intenso. Una volta che le bolle di disidrosi si seccano, si crepano e formano delle scanalature (fessure), che possono essere dolorose. Il trattamento per combattere la disidrosi il più delle volte comprende creme, impacchi umidi e la terapia della luce ultravioletta per migliorare l’aspetto del derma e alleviare i sintomi – vedi anche Dermatite: descrizione, sintomi e rimedi). In caso di eczema disidrosico, la pelle colpita si infiamma (dermatite): come risultato, le giunzioni tra le cellule della pelle si aprono e consentono al fluido (siero) di riempire gli spazi. I medici si riferiscono a questo processo come spongiosi perché, se visto sotto un microscopio, la pelle diventa più simile a una spugna con questi numerosi spazi pieni di fluido.

Pubblicità

Segni e sintomi dell’eczema disidrosico

eczema disidrosico sulle mani

eczema disidrosico sulle mani: foto

I segni e i sintomi di disidrosi includono:

  • Prurito e piccole bolle sulla pelle che gradualmente evolvono verso un’ eruzione cutanea di vescicole piene di liquido;
  • Intenso prurito;
  • Crepe o scanalature (fessure) sulle mani e nei piedi;
  • Il dolore, in particolare con presenza di grandi bolle.

Le piccole bolle (vescicole)  piene di liquido più comunemente si verificano sul palmo e le dita delle mani. Possono apparire anche sulle piante e tra le dita dei piedi; le bolle di solito durano circa tre settimane. E’ sempre bene affidarsi ad un medico se si ha un’ eruzione cutanea sulle mani o sui piedi che non va via da sola; si deve contattare il medico anche se siete stati già colpiti da disidrosi e si hanno segni e sintomi di infezione, compresa la febbre, o dolore o infiammazione dell’ eruzione. Per approfondimenti: Eczema disidrosico: come riconoscerlo.

2 comments

  1. Diletta

    6 anni fa ho cominciato ad avere i primi sintomi della disidrosi sulle dita delle mani.
    ho passato due anni d’inferno a cercare di curarmi con ogni tipo di crema, pastiglia o unguento perchè l’eczema non andava via. era così grave e intenso su alcune falangi che facevo addirittura fatica a chiudere la mano a pugno. anche perchè ero piena di abrasioni e di tagli.
    poi d’un tratto, così com’ era cominciata la malattia, se n’è andata.
    Passati 4 anni dall’ultimo rush, a dicembre la spiacevole sensazione di pruito è tornata…per ora sta attaccando solo il pollice destro della mano. ho le classiche vescicole che prudono da morire, sono piena di ragadi che si infilano sotto l’unghia e la pella è così sottile e fragile che si apre in continuazione. so che non durerà molto a lungo solo sul pollice, ma continuerà ad espandersi anche sulle altre dita della mano…per poi passare all’altra.
    sto usando l’advantan ogni tanto, quando proprio non posso fare a meno di grattarmi..
    in questi ultimi giorni sembra un pò migliorato..ho molte meno vescicole e mi gratto meno.
    non mi sono ancora fatta vedere da nessun dermatologo perchè conosco il problema e so che nn c’è cura nè rimedio..
    ne ho visti così tanti quando la malattia comparve la prima volta e ho speso così tanti soldi in creme che non hanno mai funzionato, che sono abbastanza demoralizzata a riguardo.
    purtroppo sto attraversando una forte fase di stress dovuta a dei problemi al lavoro e so che il motivo dell’eruzione è questo..
    non so se negli ultimi anni abbiano fatto delle scoperte in merito a questo problema..ho letto su internet di un prodotto che si chiama EPITREX. qualcuno mi sa dire qualcosa in merito?
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × uno =