Eczema cuoio capelluto: può causare problemi psicologici

Comment

eczema disidrosico
Eczema cuoio capelluto
Pubblicità

Eczema cuoio capelluto: una patologia difficile da trattare

L’eczema cuoio capelluto è una forma molto diffusa tra le persone. Sappiamo che questa patologia può colpire varie aree del corpo, ma quando però si va  ad incentivare soprattutto sul cuoio non è di certo facie da gestire. Oltre al fastidioso prurito, va a colpire anche la parte psicologica dell’individuo. Nemmeno i medici possono dare una cura definitiva visto che ancora non si è scoperto da che cosa sia dovuta l’origine. Per avere maggiori informazioni riguardo una terapia dell’eczema possiamo consultare questo articolo “Eczema disidrosico plantare: terapia omeopatica

Pubblicità

Prevenire i sintomi è meglio che curarli, scopriamo come fare

Eczema cuoio capelluto

Eczema cuoio capelluto

Visto che non esiste una terapia specifica non possiamo di certo fare a meno di prevenire la sintomatologia di questa malattia. Proprio per questa ragione, in molti, consigliano di utilizzare dei prodotti neutri così da non andare ad irritare ulteriormente la cute. Infatti l’eczema cuoio capelluto causa dei disagi, ovvero l’eccessiva presenza di squame che cadono.

Ed è questo il principale motivo di disagio tra le persone. Bisognerà cercare di non grattarsi perchè così lederemo il cuoio capelluto e faremo comparire ferite o, nel peggior dei casi, delle vere e proprie piaghe. Ormai molte persone cercano di utilizzare dei prodotti naturali dato che purtroppo, i farmaci, molto spesso non danno dei notevoli risultati.

Proprio per questa ragione uno shampoo a base di hennè, sarebbe l’ideale. Dovremo massaggiare delicatamente la cute, risciacquare ed infine asciugare. Successivamente potremo persino utilizzare dell’olio di canapa o di neem: si noteranno dei notevoli risultati. Per avere maggiori informazioni riguardo all’eczema sulle mani possiamo leggere questo determinato articolo “Eczema disidrosico mani: comparsa di pustole e chiazze

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 2 =