Disturbi cutanei haloterapia

Comment

Altri articoli
Pubblicità

Disturbi cutanei haloterapia

I soggetti affetti da disturbi cutanei (psoriasi, eczemi, dermatiti) oppure da malattie respiratorie (asma, bronchite cronica, sinusite) possono trarre beneficio dalla terapia del sale, la cosiddetta haloterapia (halotherapy) che consiste in un trattamento naturale che ricrea il microclima presente nelle miniere di sale. Nello specifico il soggetto sottoposto a questa pratica terapeutica viene esposto in un ambiente dove si concentrano particelle secche di sale, è necessario quindi disporre di una location particolare: le grotte di sale naturali o costruite artificialmente. Prendendo spunto da questi luoghi sono state ricreate delle ambientazioni simili alle grotte saline nei centri estetici ed all’interno di strutture ospedaliere, dove l’haloterapia si svolge in strutture che dispongono di pareti fatte di sale con aggiunta di un nebulizzatore per rilascciare nell’acqua una concentrazione di particelle saline micronizzate. Il trattamento è utile in caso di malattie respiratorie in quanto l’aria arricchita di particelle di sale ha la capacità di percorrere tutto il tratto orofaringeo fino a raggiungere i bronchi più piccoli e le altre parti del tratto respiratorio. Per approfondimenti si rimanda alla lettura di https://www.mammeacrobate.com/haloterapia-cose-e-quali-sono-i-suoi-benefici/.

Pubblicità

Alcune controindicazioni

disturbi cutanei haloterapia

disturbi cutanei haloterapia

La terapia può essere fatta come prevenzione contro le malattie della pelle di carattere cronico ma anche per rafforzare il sistema immunitario rendendolo più pronto a contrastare le infezioni (che ssi scatenano a partire da processi di flogosi di carattere cronico a carico dell’apparato respiratorio. L’haloterapia può essere utile anche per lenire i sintomi associati con le manifestazioni tipiche di disturbi dermatologici che causano infiammazione cutanea quali: psoriasi, eczemi, dermatiti. La terapia con il sale è indicata a tutti i soggetti in linea generale, ma esistono delle controindicazioni che riguardano i soggetti colpiti da malattie acute con manifestazione febbrile, scompensi cardiocircolatori, insufficienza cardiaca, ipertensione arteriosa grave non controllabile con le pastiglie, incapacità di respirare in maniera autonoma, malattie tumorali soggette a chemioterapia in atto, claustrofobia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 + uno =