Dermatite seborroica fotoesposizione: i benefici

Comment

dermatite seborroica
dermatite seborroica fotoesposizione
Pubblicità

Dermatite seborroica fotoesposizione

Non esiste ad oggi una cura definitiva grado di favorire la guarigione dalla dermatite seborroica, in alternativa si possono adottare dei trattamenti che attenuano e contrastano le manifestazioni legate alla comparsa di lesioni tra cui la fotoesposizione. Tra le condizioni cutanee che possono beneficiare dell’esposizione ai raggi solari naturali ed artificiali ci sono non solo la dermatite seborroica ma anche la forma atopica, la psoriasi, gli eczemi cronici, la vitiligine. La moderna terapia dermatologica ha evidenziato  l’utilità delle fonti di raggi ultravioletti artificiali su alcune patologie della pelle a condizione che vengano seguite delle precise raccomandazioni, in particolare la fotoesposizione solare può apportare giovamento se viene controllata in modo regolare da uno specialista in ambito dermatologico dai raggi solari si possono così ottenere degli effetti positivi su diverse malattie dermatologiche. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Dermatite seborroica crema a base di alukina.

Pubblicità

Gli aspetti negativi

dermatite seborroica fotoesposizione

dermatite seborroica fotoesposizione

La recente letteratura medica in ambito dermatologico ha riscontrato che il trattamento incentrato sulla fotoesposizione può contrastare le manifestazioni sintomatologiche della dermatite seborroica, ma è opportuno farsi seguire dal proprio dermatologo, il quale consiglierà in base al singolo caso di ciascun paziente se il suo quadro clinico può beneficiare o meno dall’esposizione al sole. Non bisogna trascurare il fatto che diverse condizioni patologiche che interessano la pelle così come anche alcune terapie farmacologiche non ottengono degli esiti positivi dalla fotoesposizione ma anzi ne possono addirittura risentire pesantemente. Si sconsiglia in particolare l’esposizione ai raggi naturali oppure a quelli artificiali ai soggetti interessati dalle seguenti condizioni patologiche quali: lo xeroderma pigmentoso, la dermatomiosite, l’eritema polimorfo, il lupus eritematosus, l’orticaria solare, l’albinismo, l’eruzione polimorfa da luce, il pemfigo, la porfiria cutanea tarda, l’acne rosacea, l’herpes simplex, le infezioni virali, la vitiligine. Altre notizie si trovano su Dermatite atopica andamento cronico-recidivante.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 + 4 =