Dermatite papulosa della gravidanza come si evidenzia

Comment

malattie della pelle
dermatite papulosa della gravidanza
Pubblicità

Dermatite papulosa della gravidanza

Nel corso della gravidanza le donne possono essere colpite da alcune alterazioni fisiologiche dovute alle modificazioni  a livello ormonale che causano un significativo aumento dei livelli di estrogeni ed anche di melanociti determinando così delle dermatosi specifiche di questo periodo di cui è un esempio la dermatite papulosa della gravidanza, ma si possono verificare altre alterazioni quali: l’herpes gestationis, il prurigo della gravidanza, la follicoline pruriginosa, l’impertigo herpetiformi. Si tratta comunque di condizioni per lo più temporanee che cessano a breve distanza di tempo dopo il parto e che possono ricomparire durante le successive gestazioni. L’insorgenza della dermatite si caratterizza per la comparsa di papule e placche urticate e pruriginose per cui oltre a caratterizzarsi per la comparsa del rash cutaneo la donna lamenta anche una sensazione frequente di prurito. Questa forma di dermatosi è la più comune tra le donne e tende a comparire generalmente nella regione dell’addome, delle cosce, delle braccia, sulle natiche, si registrano poi raramente eruzioni sul viso o su altre parti del corpo. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Cheratosi seborroica sintomi e forme.

Pubblicità

Patogenesi dell’alterazione cutanea tipica della gestazione

dermatite papulosa della gravidanza

dermatite papulosa della gravidanza

Di solito la comparsa del rash cutaneo, che può essere caratterizzato dalla presenza di bolle, papule, placche, pomfi, tipico della dermatite papulosa della gravidanza avviene attorno alla 11a settimana di gestazione come conseguenza diretta delle alterazioni ormonali che si vengono ad in saturare in questo momento della vita di una donna, per poi scomparire spontaneamente già nei 7-10 giorni successivi al parto. Il tratto caratteristico di questa alterazione cutanea è la presenza di papule color rosso vivo circondate da un alone pallido circoscritte, che si formano in limitate sedi del corpo, che possono riapparire anche in successive gravidanze senza però implicare problemi per la salute della madre o per quella del nascituro. Ulteriori notizie si trovano su Dermatite da contatto pigmentosa: cause e test diagnostici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − dodici =