Dermatite esfoliativa cause, sintomi e terapie

Comment

malattie della pelle
dermatite esfoliativa
Pubblicità

Dermatite esfoliativa: il quadro clinico

Tra le diverse forme di dermatite bisogna segnalare anche quella esfoliativa, detta anche sindrome da cute bruciata, scatenata dall’aggressione dello stafilococco, nello specifico il responsabile di questa dermatite è la tossina esfoliatina. Questa infezione di solito colpisce con maggiore frequenza i soggetti nel periodo dell’infanzia e si manifesta con un variegato complesso di sintomi che include: febbre pizzicore, gonfiore dei linfonodi, arrossamento cutaneo accompagnato da strati di  pelle ispessiti, deflusso di liquidi dalle lesioni della pelle. La dermatite esfoliativa prende il suo nome dall’esfoliatina una tossina epidermolitica, formata dalla proteina esfoliatina A e da quella esfoliatina B, che a loro volta sono prodotte da alcuni ceppi di Staphylococcus aureus. L’insorgenza della sindrome della pelle ustionata è scatenata dall’azione dei patogeni sullo strato granuloso dell’epidermide, le tossine attivano un processo extracellulare che degrada i desmosomi, ossia le giunzioni adesive che legano le cellule adiacenti causando un progressivo sfaldamento degli strati della pelle. Ulteriori informazioni si trovano su Impetigine: come si manifesta l’infezione batterica della pelle.

Pubblicità

La resistenza batterica

dermatite esfoliativa

dermatite esfoliativa

Ancora oggi risulta difficile individuare la terapia più adatta per debellare le diverse infezioni stafilococciche, tra cui la dermatite esfoliativa, in quanto i patogeni  hanno sviluppato una resistenza multipla e celere nei confronti degli antibiotici che di solito vengono prescritti dal medico per debellare i ceppi di batteri. Per ovviare a tutto ciò, anche se la resistenza è in aumento, i ceppi devono essere isolati da un processo infettivo per valutare la loro sensibilità nei confronti degli antibiotici che vengono suggeriti come terapia farmacologica. La maggior parte degli stafilococchi hanno dimostrato una accanita resistenza nei confronti della penicillina; alcuni ceppi di stafilococchi invece hanno evidenziando invece resistenza ad altri classi di farmaci come ad esempio la meticillina così come alle cefalosporine, alle tetracicline, ai macrolidi, in alcuni casi i batteri si rivelano resistenti anche alla gentamicina ed alla netilmicina. Maggiori notizie si trovano su Dermatite seborroica capelli: causata dalla malassezia.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − 8 =