Dermatite da contatto: mani e viso sono colpite?

Comment

dermatite da contatto
Dermatiti da contatto disturbo
Pubblicità

Dermatite da contatto: mani e cuoio capelluto, le zone più colpite!

La dermatite da contatto si divide in dermatite irritativa e dermatite allergica. Secondo alcune ricerche, l’80% delle dermatiti da contatto è irritativa mentre, il restante 20%, è di origine allergica. Quando si ha la dermatite da contatto la pelle diventa arrossata, pruriginosa e con delle piccole vescicole che, nella maggior parte dei casi, si desquamano. Le dermatiti allergiche e irritative, a primo impatto, possono sembrare uguali ma, in realtà, i meccanismi  che sono alla base delle dermatiti da contatto irritative sono molto diversi rispetto a quelli che scatenano la dermatite allergica. Nelle dermatite da contatto mani, viso e cuoio capelluto sono le zone più colpite. Tra gli agenti irritanti ci sono, pannolini per neonati, saponi, prodotti chimici, acidi, oli industriali e detergenti. Questi agenti sono scatenanti soprattutto nelle dermatiti da contatto irritative. Per quanto riguarda la dermatite da contatto allergica, invece, è dovuta all’esposizione a una sostanza particolarmente irritante.

Pubblicità

Ecco le cause scatenanti

Dermatiti da contatto disturbo

Dermatiti da contatto: le mani sono la zona più colpita.

In generale, tra le sostanze che possono provocare una dermatite allergica ci sono metalli, cosmetici, tinte, gomme, ecc. Una particolare attenzione deve essere data al nickel, ovvero uno dei metalli più studiati. Questo elemento è presente anche in molti alimenti, soprattutto in quelli di origine vegetale. La dermatite da contatto è diffusa soprattutto tra le donne a causa dell’utilizzo di bigiotteria e cosmetici. Per verificare che il paziente sia affetto da dermatite da contatto, il medico effettua un patch-test. Si tratta di un test che si effettua, apponendo sulla pelle del paziente dei cerotti contenenti sostanze che possano causare allergia. Questi cerotti generalmente vengono rimossi dopo due-tre giorni. Molti trattamenti farmacologici risultano inefficaci. Alcune creme, invece, possono aiutare ad alleviare l’infiammazione. Quando le infiammazioni sono particolarmente elevate si può fare uso degli antistaminici. Questi ultimi possono essere un valido aiuto per risolvere i fastidiosi problemi provocati dalla dermatite da contatto, sia essa allergica o irritativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × quattro =