Dermatite da contatto: allarme cosmetici

Comment

dermatite da contatto
Dermatite da contatto
Pubblicità

I cosmetici rappresentano un elemento importante della vita delle persone, almeno in Occidente. Uno studio statunitense ha rivelato che, uomini compresi, ogni individuo utilizza in media circa sette prodotti diversi al giorno. Cosmetici sono non solamente i prodotti da make-up, ma anche quelli struccanti o i smalti per le unghie, come anche saponi neuri, shampoo, dopobarba e lozioni in genere.

I cosmetici possono causare disturbi della pelle, come la dermatite da contatto. Alcuni studi rivelano che circa il 10% di chi utilizza giornalmente cosmetici sviluppa le dermatite da contatto. Esse, è bene ricordare, si dividono in dermatiti irritative (80% di tutte le dermatiti da contatto) e in dermatite allergiche (il 20%).

Per approfondire come il nichel ed il cobalto, molto presenti all’interno dei cosmetici, scatenano la dermatite da contatto, anche e sopratutto nelle bambine, ti consiglio di leggere i seguenti articoli: Dermatite allergica, nichel e cobalto la scatenano e Dermatite allergica da contatto, bambine a rischio per il make up.

Pubblicità

Quali sono le sostanze che, presenti nei cosmetici che più degli altri causano le dermatiti da contatto? Prime tra tutti, le essenze profumate. Sono loro, infatti, le responsabili dell’80% di tutte le allergie.

Dermatite da contattoNella lista nera figurano anche i conservanti. Essi sono contenuti in un grande numero di cosmetici. I  conservanti da tenere d’occhio sono i parabeni, in assoluto i più diffusi, la formaldeide, presente soprattutto negli shampoo; Kathon GC, in assoluto il più pericoloso ma anche il meno diffuso (le case produttrici di cosmetici hanno capito che può fare male); il Quaternium-15, presente in massa nei prodotti per gli occhi, nel fondotinta, nelle creme solari.

Anche le parafelinendianine possono causare le dermatite da contatto. Sono le sostanze in assoluto più utilizzati per i coloranti e quindi per le tinture dei capelli. A rischio sono soprattutto i parrucchieri, le cui mani entrano spesso a contatto con queste sostanza.

Infine, è nota anche l’azione degli alcoli della lanolina. Proprio in virtù di questa consapevolezza, le case di cosmetici cercano di evitare un’eccessiva concentrazione, ma è ancora diffusissima per le sue proprietà emollienti e idratanti. E’ presente nei seguenti prodotti: oli profumati, fondotinta, creme idratanti e solari, prodotti per gli occhi, fondotinta, spray per capelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro + diciassette =