Dermatite allergica: nichel e cobalto la scatenano

Comment

clinica dermatite da contatto
Dermatite allergica
Pubblicità

La dermatite allergica è una malattia della pelle molto diffusa, presente con frequenza simile in tutte le fasce d’età. E’ causata dalla reazione dell’organismo al contatto di alcune sostanze, dette allergeni. Queste scatenano l’azione immunitaria dei linfociti, che pongono in essere alcuni sgradevoli sintomi. Tra questi spicca il prurito, sempre presente sebbene di intensità varia, così anche rossore, papule ed eritemi.

Ciò che rende la dermatite allergica così diffusa è la sostanziale “onnipresenza” degli allergeni nella vita quotidiana. Premesso che condizione necessaria affinché insorga la dermatite allergica è una certa predisposizione dell’organismo, la dermatite allergica è spesso scatenata da due sostanza che si trovano praticamente ovunque: il nichel e il cobalto.

Per approfondire come i cosmetici o altre sostanze portano all’insorgenza della dermatite allergica, ti consiglio di leggere i seguenti articoli: Dermatite da contatto allarme cosmetici e Dermatite allergica, ecco le sostanza che la provocano.

Pubblicità

Il nichel è un metallo utilizzatissimo nella realizzazione delle monete, ma è presente in massa anche in altro oggetti, quali cinture, bracciali e bigiotteria in genere. Non solo, il nichel è presente anche in molti alimenti: cioccolata, liquirizia, legumi, funghi, vino e molti altri ancora. Questo perché il nichel è in una certa misura assorbibile dall’organismo. La soglia non deve comunque superare i 900 microgrammi.

Dermatite allergicaIl cobalto è altrettanto frequente: è una sostanza utilizzata soprattutto nelle leghe metalliche, ma abbonda nelle vernici e nei coloranti. E’ grandemente usato anche nella produzione di cosmetici, come gli smalti, e nella creazione di porcellane.

La dermatite allergica è anche causata da alcune intolleranze alimentari piuttosto frequenti. E’ il caso della celiachie, l’intolleranza al glutine. In questo caso la dermatite allergica è il sintomo di un malessere più profondo e ben più grave. Il glutine, ricordiamo, è presente in un numero enorme di alimenti (ma soprattutto nel pane e nella pasta) particolare, questo, che ostacola il processo di diagnosi e, di conseguenza, l’elaborazione di una terapia efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 5 =