Dermatite allergica: ecco le sostanze che la provocano

Comment

clinica dermatite da contatto
Dermatite allergica
Pubblicità

La dermatite allergica è una malattia della pelle causata da alcune sostanze a cui l’organismo reagisce. Il metodo principale per diagnosticarla, e soprattutto per capire la sostanze scatenanti in particolare, è il Patch Test. Ma quali sono le sostanze che rientrano nel range delle possibili cause di dermatite allergica? Eccone alcune.

Alcolina di Lana. Essa rappresenta la frazione alcolica della cera di lana. E’ un prodotto assolutamente naturale, poiché la si ricava dal manto delle pecore. E’ contenuta in molti prodotti di uso comune e quotidiano, quali i medicamenti ad uso topico, i cosmetici (rossetti, creme per la pelle, saponi e shampoo). E’ molto diffusa anche in alcuni oggetti tecnici, come ad esempio l’inchiostro della stampante, gli isolanti per i cavi elettrici, tessuti e pellami vari.

Per approfondire questa patologia o sapere come il make up aumento il rischio di contrarlo nelle bambine, ti consiglio di leggere i seguenti articoli: Dermatite allergica da contatto, bambine a rischio per il make up e La dermatite allergica da contatto.

Pubblicità

Dermatite allergicaBalsamo del Perù. Si ottiene bruciando il tronco di un albero presente soprattutto nell’America Latina, il Myroxylon. E’ utilizzato anch’esso per produrre cosmetici (lozioni da barba per esempio) e medicamenti vari, ma è presente soprattutto in alcune spezie (ketchup, salsa chili). Si può trovare nella cannella, nella vaniglia e come aromatizzante nel cioccolato e nei dolci da forno.

Benzocaina. Si sintetizza artificialmente. E’ utilizzato in grande quantità nella produzione di astringenti e anestetici. La si trova, dunque, negli analgesici, nei disinfettanti, negli schermi solari, negli antiprurigine.

Cobalto Cloruro. E’ diffusissimo in quanto impiegato nella produzione di leghe metallica. E’ una delle componenti dei gioielli, anche preziosi, ma soprattutto di oggetti quotidiani. E’ particolarmente presente nelle montature degli occhiali, nelle posate, nelle sedie di metallo, nel manico degli ombrelli, nelle forcine per i capelli.

Colofonia. E’ sintetizzato a partire dalle resine portoghesi, cinesi e americane. E’ presente in quasi tutti gli oggetti che “si attaccano”, come nastri adesivi, carte a strappo, ma anche nei rivestimenti in gomma per i pavimenti e in generale nelle gomme sintetiche.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × uno =